giovedì 31 dicembre 2015

Zichichi sul clima sfata molti miti


In queste settimane è intervenuto su diversi mezzi di comunicazione il fisico Zichichi mettendo l'attenzione su come molte affermazioni sul clima non sono dimostrabile "Sfido i climatologi a dimostrarmi che tra cento anni la Terrà sarà surriscaldata. La storia del climate change è un’opinione, un modello matematico che pretende di dimostrare l’indimostrabile". Molte teorie sono basate su modelli matematici e ipotesi discutibili, non essendo ancora note tutte le cause che governano il clima e I loro modelli “In nome di quale ragione si pretende di descrivere i futuri scenari della Terra e le terapie per salvarla, se ancora i meccanismi che sorreggono il motore climatico sono inconoscibili? Divinazioni”. E ancora più netto hanno costruito modelli matematici buoni alla bisogna. Ricorrono a troppi parametri liberi, arbitrari. Alterano i calcoli con delle supposizioni per fare in modo che i risultati diano loro ragione. Ma il metodo scientifico è un’altra cosa”.
Aggiunge poi Zichichi “occorre distinguere nettamente tra cambio climatico e inquinamento. L’inquinamento esiste, è dannoso, e chiama in causa l’operato dell’uomo. Ma attribuire alla responsabilità umana il surriscaldamento globale è un’enormità senza alcun fondamento: puro inquinamento culturale. L’azione dell’uomo incide sul clima per non più del dieci per cento. Al novanta per cento, il cambiamento climatico è governato da fenomeni naturali dei quali a oggi gli scienziati, come dicevo, non conoscono e non possono conoscere le possibili evoluzioni future. Ma io sono ottimista”. 


Parole non nuove e non isolate nella comunità scientifica, quelle di Zichici, e che dovrebbero eprlomeno metterci qualche dubbio su catastrofiche teorie e sul pressing mediatico, politico e lobbystico che agisce su questi temi come abbiamo potuto vedere nelle molte conferenze internazionali. Questo certo non esemi l'uomo dale sue responsabilità verso il creato e a cercare di minimizzare (impatto zero non esiste) l'impatto delel sue attività sfruttando al ricerca e la tecnologia.

Nessun commento:

Posta un commento