giovedì 7 settembre 2017

Il Papa in Colombia per sotenere la pace

Inizia la visita papale in Colombia. Un paese martoriato dalla Guerra civile che faticosamente cerca di lasciarsi alle spalle un sanguinosissimo conflitto. Bergoglio stringe le mani delle vittime del conflitto armato eper primo saluta il figlio di una donna sequestrata dalle Farc.

mercoledì 6 settembre 2017

Il tragico caso di malaria a Trento: quando l'ideologia strumentalizza una tragedia

La notizia della morte della bimba di 4 anni all’ospedale di Trento ha scatenato reazioni e commenti che, più che attinenti ai fatti, volevano sostenere tesi ideologiche. Da chi subito ha voluto puntare il dito contro l’immigrazione a chi ha voluto attribuirla ad una infezione autoctona resa possibile dai cambiamenti climatici.
Questa tragica storia invece è probabilmente spiegabile con un clamoroso errore dell’ospedale, infatti secondo quanto si apprende dalle agenzie di stampa “il parassita che ha causato la malaria alla bimba trentina di 4 anni morta a Brescia, dopo il ricovero a Trento, è lo stesso che aveva fatto ammalare i due bambini di ritorno dal Burkina Faso che erano in pediatria a Trento negli stessi giorni della piccola. A dirlo è Nunzia Di Palma, direttrice dell’unità operativa di pediatria dell’ospedale di Trento”. 
Siccome la malaria non si trasmette per contatto ma solo per via ematica un grave errore o negligenza nelle procedure deve aver prodotto il tragico evento.
Questa triste storia mette però ancora una volta di più in luce la strumentalizzazione che i media tendono a fare delle notizie per fini ideologici. Grave la responsabilità del primario che ha parlato di malaria autoctona lanciando un allarmismo ingiustificato.

giovedì 31 agosto 2017

La Corea del Nord continua a provocare con lancio di razzi

La Corea del Nord continua a provocare con lancio di razzi verso il Giappone. La precisione dei lanci sembra aumentatre lancio dopo lancio. E cosi aumenta la tensione nell'area. E' noto che la Corea del Nord rappresenta un problema per tutti per via dell'imprevidibilità del suo leader ma è anche noto che senza il sostegno della Cina questo regime sarebbe già collassato da anni.
La Corea del Nord potrebbe aver intrapreso questa strada di provocazioni per ottenre finanziamenti dalla comunità internazionale, ma questa volta gli USA di Trump non sembrano disposti a concederli.

La Corea del Nord rappresenta uno dei più brutali regimi oggi esistenti al mondo, con lager disumani e dove le garanzie per i diritti umani sono del tutto assenti.

Sierra Leone 1000 morti per l'alluvione

Alluvione in Sierra Leone, la testimonianza: "Non è rimasto più niente"
E' di oltre mille vittime, tra cui centinaia di bambini, il bilancio delle alluvioni che hanno colpito lo scorso 14 agosto interi quartieri di Freetown, in Sierra Leone. Lo ha reso noto ministero per le Emergenze. La notte fra il 13 e 14 agosto, quando la gente dormiva,un'intero fianco della collina Sugar Loaf (Pan di zucchero) è smottato in una valanga di fango, travolgendo centinaia di case e baracche che si trovavano sulla sua strada e riversandosi sul sottostante quartiere di Regent, - See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/ContentItem-2b0093b3-8ed5-4842-a754-12ec42e7a03e.html
 

 

La devastante alluvione di HUSTON

Usa, uragano Harvey ha provocato una devastante alluvione in Texas con 35 morti accertati e miliardi di danni.


lunedì 31 luglio 2017

Macron e l'Italia



Macron in Italia è stato osannato ancor prima di sapere cosa avrebbe fatto, dichiarato salvatore dell'Europa e amico dell'Italia.
Le sue ultime mosse però fanno capire che la sua priorità è la Francia e i suoi interessi.
Ha rilanciato l'asse con la Germania, ma anche quello con gli Usa di Trump invitandolo all'anniversario dell'intervento degli USA nella prima guerra mondiale, naturalmente i giornali che da sempre criticano Trump si sono bene guardati di criticare Macron .
Ora però si scopre che la sua politica non è per niente amichevole con l'Italia, ha chiuso le frontiere e i porti ai migranti lasciando l'Italia da sola, ha addirittura chiamato a Parigi Haftar e Serraj che in Libia litigano per cercare un accordo senza neanche consultare l'Italia che da sempre è impegnata in Libia. L'Italia in Libia ha sbagliato tutto e la Francia, da Sarkozy a Macron, ha sempre avuto un solo interesse, sostituire l'Italia negli affari con la Libia. 
Ora Macron ha pure nazionalizzato i cantieri navali che Ficantieri aveva deciso di comprare, alla faccia delle libere frontiere e dell'Europa e del fatto che le nazionalizzazioni dovrebbero essere considerate aiuti di Stato e quindi non dovrebbero essere permesse. Sembra però che certe regole valgono solo quando i francesi devono comprare in Italia ma non viceversa.

D'altronde non si può dare la colpa solo a Macron, la verità è che lui in Francia ha un governo e una maggioranza forte, mentre noi in Italia abbiamo un governo balneare che tira a campare in attesa delle prossime elezioni, e questo fa sì che l'Italia è debole sia sui migranti verso l’Europa sia sull'economia vedi affare Fincantieri.

Charlie cosa ci dice la sua morte

Chiarlie è morto, purtroppo non in maniera naturale ma staccandogli la ventilazione artificiale.
Un bambino che la legge e la medicina hanno usato come caso per imporre una cultura dello scarto in cui chi è malato non ha diritto alle cure o alla semplice vicinanza dei suoi genitori a cui il tribunale inglese ed europeo hanno tolto il diritto di scelta sulle cure del figlio.
E' stato usato il concetto di qualità della vita che di scientifico non ha niente e che ha una pericolosità enorme in quanto arbitrario e che non può essere un criterio di giudizio sulla vita delle persone tanto meno se a farlo è un tribunale o uno stato.
Non può essere accettato come criterio la soppressione di un disabile seppur grave.

Il caso Charlie ha mostrato una possibile via per la cura delle malattie rare come la sua, un consulto di una equipe internazionale, purtroppo nel suo caso è avvenuto troppo tardi. Charlie ha permesso al mondo di fermarsi un momento e riflettere sul fatto che una vita vale sempre. Ora la sua vita è nelle braccia del Padre.