martedì 28 gennaio 2014

Obama: speranze largamente deluse e una deriva etica davvero preoccupante.


Ci sono alcune notizie da USA che dovrebbero far riflettere sul ruolo di Obama e sull’incidenza che avrà anche in futuro la sua presidenza, dopo aver propagandato l’aborto, si veda come ultimo esempio lo “scambio” di tweet tra Obama e papa Francesco in occasione della marcia per la vita a Washington, dopo aver aperto la strada ai matrimoni gay, il suo aperto sostegno li ha sdoganati a livello mondiale, ecco Obama aprire un nuovo fronte a favore della droga “leggera”: dopo non aver opposto nulla alla depenalizzazione in Colorado adesso vuole modificare le leggi per dargli una copertura giuridica a livello federale aiutando i produttori.

Non parliamo dell’attacco alla libertà di religione in Usa anche se per fortuna la Corte Suprema ha difeso per ora la libertà religiosa, contro l’ObamaCare, riconoscendo alle suore e a diverse associazioni cattoliche il diritto di non applicare la copertura assicurativa per aborto e contraccettivi. Ricordiamo poi che l’ObamaCare si è dimostrato un vero fallimento per stessa ammissione di Obama che ha dovuto chiedere pubblicamente scusa per l’inefficienza del sistema. A tutto ciò va aggiunto a nostro avviso l’assenza, per non dire il fallimento, della politica estera di Obama se mai è esistita.

Bisognerebbe riflettere su una revisione della lettura del suo mandato, in particolare il mondo cattolico, superando quella fase di euforia basata su speranze largamente deluse e su una deriva etica davvero preoccupante.

Nessun commento:

Posta un commento