sabato 16 gennaio 2016

2016 l'anno della legge sulle unioni dello stesso in Italia?

In Italia il premier Renzi ha rilanciato sulla legge Cirinnà che riguarda anche le unioni omosessuali come uno dei suoi obbiettivi per l'inizio del 2016. Ci sono stati altri due paesi europei che si sono espressi  su questo tema alla fine del 2015. La Slovenia dove in un referendum popolare per la seconda volta hanno vinto coloro che chiedevano il non riconoscimento delle unioni omosessuali e in particolare ha vinto chi chiedeva il divieto delle adozioni alle coppie omosessuali. In Grecia il governo ha invece approvato una legge sul cosiddetto "matrimonio omosessuale" pur avendo evitato di dare il diritto di adozione, forse la Grecia ha ben altri problemi ma il Governo ha ritenuto una priorità per i greci questa legge. Pare che chi più dipende dai soldi dell'estero più subisca le pressioni straniere e della Ue di riconoscere i matrimoni tra persone dello stesso sesso. A est invece rimane una contrarietà anche politica e culturale a queste leggi. Nel frattempo a fine 2015 la Ue ha votato contro l'utero in affitto, infatti all’interno del Rapporto annuale sui diritti umani approvato dalla votazione dello scorso Dicembre 2015 afferma che il Parlamento europeo «condanna la pratica della maternità surrogata, che mina la dignità umana della donna, visto che il suo corpo e le sue funzioni riproduttive sono usate come una merce; considera che la pratica della maternità surrogata, che implica lo sfruttamento riproduttivo e l’uso del corpo umano per profitti finanziari o di altro tipo, in particolare il caso delle donne vulnerabili nei Paesi in via di sviluppo, debba esser vietato e trattato come questione di urgenza negli strumenti per i diritti umani», certo bisogna anche sottolineare che lo stesso testo sostiene che l’UE "constata che i diritti delle persone Lgbti sarebbero maggiormente tutelati se avessero accesso a istituti giuridici quali unione registrata o matrimonio". Questa votazione come i diversi atteggiamenti dei diversi paesi mostrano innanzitutto che dal punto di vista legislativo e politico in Europa non c’è l’unanimità su questi temi, come invece in Italia sostengono i fautori del DDL Cirinnà. Questo disegno di legge appare chiaramente come il tentativo (dichiarato perfino dai suoi promotori) di equiparare le unioni tra persone dello stesso sesso al matrimonio. In questo senso è da respingere. Come è posta la questione infatti impedirà di sostenere anche giuridicamente ogni distinzione con il matrimonio nell'applicazione pratica e anche nell’affido e nell’adozione dei bambini. Già oggi assistiamo a chiare ingerenze giudiziarie che spingono a riconoscerla, come dimostra la sentenza del Dicembre scorso della Corte d'Appello di Milano (leggi questo ottimo articolo in merito sul sito del MVA). In questo senso anche la discussione che riguarda la cosiddetta “stepchild adoption” e il suo stralcio o modifica dal DDL Cirinnà non appaiono risolutivi nel garantire la tutela ai bambini e il loro diritto ad avere un papà ed una mamma e a vietare l’”utero in affitto”. Infatti nonostante quello che la propaganda ripeta sulla possibilità che bambini nati durante una precedente relazione eterosessuale possano rimanere orfani quando la donna che ha iniziato una nuova relazione con una persona delo stessa sesso venga a mancare, la stepchild adoption verrà usata, come dimostrano alcuni casi già riconosciuti dai giudici, per bambini nati con fecondazione eterologa o utero in affitto fatte all'estero, e che coppie dello stesso sesso vogliono "regolarizzare" in Italia con l'adozione. Ma l'adozione che per le coppie eterosessuali è verso bambini che hanno perso i genitori, non deve diventare un mezzo per autorizzare pratiche che rappresentano per il bambino una condizione sfavorevole voluta, in cui, da subito, gli viene negata la possibilità di vivere coi entrambi i genitori biologici, proprio perché viene utilizzata la fecondazione eterologa o peggio ancora l'utero in affitto. Noi crediamo che il matrimonio è l’unione di un uomo e una donna, aperto alla generazione di figli. Se ci sono esigenze a cui rispondere delle persone omosessuali, anche se molte risposte ci sono già nel nostro diritto civile, se ne possono individuare altre, costituire un testo unico, ma senza equiparazioni che di fatto rendano altre forme di unione uguali al matrimonio. Una parte della nostra società la pensa cosi, non è minoritaria, è contraria ad ogni tipo di adozione da parte di coppie dello stesso sesso e scenderà in piazza per far sentire la sua voce il prossimo 30 gennaio.

Nessun commento:

Posta un commento