martedì 6 giugno 2017

Il terrorismo islamco e l'Asia

Nelle ultime settimane ci sono stati molti attetati in Asia con decine di morti, tutti rivendicati dall'ISIS:  a Bagdad contro gli sciiti e a Kabul dove l'ISIS cerca di sostituire Al Qaeda.
Nelle filippine i gruppi islamici legati all'Isis hanno attaccato una città di 200.000 abitanti Marawi conquistandola e uccidendo decine di persone e incendiando chiese e rapendo dei cristiani.L'isola di Mindanao vive ormai in uno stato di semi guerra.
In Indonesia un governatore cristiano è stato accusato e arrestato per blasfemia dopo una campagna dei movimenti integralisti islamici che hanno poi vinto le elezioni locali, il governo tenta di mettere fuori leggi i gruppi radicali che sono però in aumento.
In Bangladesh l'Arabia Saudita ha donato 10 miliardi di euro per costruire 500 moschee naturalmente dovranno seguire la linea waabita che è una delle correnti più integraliste dell'islam sunnita, in un paese dove già si sono avuti attentati e sono presenti gruppi affiliati all'ISIS.
Insomma molti soldi e armi finanziano e armano i gruppi integralisti in tutta l'Asia che sta diventando la nuova frontiera dove l'ISIS si sta espandendo.

Nessun commento:

Posta un commento