lunedì 20 febbraio 2017

La sinistra e le scissioni inutili


Dopo un Assemblea vissuta come una tragedia piena di appelli all'unità quando tutti sapevano si sarebbero divisi, Renzi ha convocato il congresso del PD e la corrente Emiliano-Rossi-Speranza lascerà il PD come già deciso visto anche il minicongresso fatto il giorno prima. Diciamolo gli scissionisti diventeranno irrilevanti con l'illusione di un partito a sinistra "partigiano" come detto da Rossi sabato, politici che non hanno capito che il mondo cambia più velocemente di loro.
Renzi cercherà di rilanciare il PD uscito con le ossa rotte dopo 2 mesi di litigi e un assemblea in cui i capicorrente si sono accusati di tutto . Un punto in cui Franceschini e Fassino hanno ragione è che la scissione indebolirà il Governo e difficilmente le due parti andranno a elezioni insieme.
D'altronde a sinistra Pisapia ha fondato il suo Movimento che dovrebbe allearsi con Renzi e quelli ancora più a sinistra hanno sciolto SEL per fondare SI. Insomma tutti mini-partiti che saranno irrilevanti alle elezioni come i fuorisciuti del PD. 

Nessun commento:

Posta un commento