martedì 31 gennaio 2017

Renzi il bilancio e le elezioni


Negli ultimi mesi i maggiori provvedimenti del governo Renzi sono stati tutti modificati o cancellati, la riforma della Pubblica Amministrazione e parte del Jobs Act dalla Consulta della Corte Costituzionale, il consiglio di Stato ha boccia la riforma delle Banche Popolari, il referendum del 4 dicembre ha cancellato la riforma Costituzionale, ora la corte Costituzionale ha in parte annullato la riforma elettorale e l'Europa ha bocciato l'ultima manovra economica richiamando l'Italia a pagare 4 miliardi di euro. Senza parlare del fallimento del Governo Renzi e anche Gentiloni sulla questione delle banche e anche del post-terremoto e a breve ci sarà anche il caso Alitalia e Generali.

Insomma il bilancio è negativo

Ma Renzi torna e fa appello al 40% delle europee e del referendum spronando il PD alla vittoria delle elezioni che naturalmente vuole il prima possibile per evitare il congresso del PD in cui rischia la leadership e sopratutto per fare lui le liste elettorale avendo la Consulta mantenuto nella legge elettorale la nomina dei 100 capilista, ed eliminando il doppio turno.La divisione all'interno del PD è forte ma altri partiti d'opposizione spingono alle elezioni, praticamente tutti tranne Forza Italia.

Non sappiamo cosa succederà ma l'incapacità del Governo fotocopia Gentiloni e le proposte di legge in discussione ci fanno propendere per una fine di questo governo e il ritorno alle elezioni il prima possibile.  Comunque vada questo Parlamento e questo governo delegittimati da tutti i fallimenti sopraelencati non hanno nessuna possibilità di migliorare la situazione quindi meglio ripartire che vivacchiare per una anno facendo solo leggi ideologiche come l'unica rimasta in piedi del governo Renzi le Unioni Civili.

Renzi potrà ricandidarsi anche se le speranze che aveva suscitato la sua novità sono in gran parte deluse, unica sua forza le debolezze degli altri schieramenti e forse anche per questo vuole votare il prima possibile.

Nessun commento:

Posta un commento