venerdì 13 gennaio 2017

Ma è questa la buona scuola?

Un docente non si presenta alla cattedra assegnatagli a Padova, resta in congedo fino al 23 dicembre quando si presentga per un solo giorno e poi chiede un nuovo congedo a partire dal 9 gennaio. Sembra che questo docente in questo modo riceverà lo stipendio pieno per i giorni delle vacanze natalizie e sembra che questa procedura si ripeta l'ultimo giorno di scuola prima delle vacanze estive in molti casi. Una prassi diffusa insomma.
I presidi non possono fare nulla. La politica e i sindacati sanno ma nessuno parla e fa nulla. Il clamore è sollevato dalla lettera del preside dell'istituto tecnico di Padova e svela una situazione allucinante.
Sembra che nel caso di Padova questo docente, non precario sia chiaro, che risiede al sud, continui il suo lavoro di commercialista. Se confermata sarebbe una grave truffa. Ci si chiede anche perchè non ci sia mai nessun provvedimento contro eventuali medici compiacenti e perchè i sindacati non difendano i buoni docenti prendendo nettamente le distanze e denunciando per primi certi comportamenti.

Ma i problemi della scuola non finiscono alle truffe. L'accordo coi sindacati ha permesso anche quest'anno: Mobilità, oltre 250mila docenti hanno cambiato cattedra. Gli studenti sono soprattutto al nord e cosi anche le nuove cattedre assegnate dalla riforma della buona scuola, gli insegnati vengono in molti casi dal sud e non si presentano o chiedono riavvicinamento dopo solo 1 anno. Solo in Veneto sarebbero 3000 gli insegnati che non si sono mai presentati mantenendo comunque la loro cattedra, nel Lazio sarebbero quasi 4000.

E il diritto degli studenti alla continuità didattica dov'è?

Nessun commento:

Posta un commento