giovedì 1 settembre 2016

Fertility day - L’ideologia in Italia supera anche la realtà

L’ideologia in Italia supera anche la realtà…..criticare la campagna sulla fertilità in un paese che ha il più basso tasso di natalità mondiale è assurdo…poi ci sono i personaggi come Saviano che pur di finire in prima pagina intervengono a sproposito, scrivere che la campagna di informazione sui rischi e i fattori che mettono a rischio la fertilità, a tutti gli effetti quindi una campagna di prevenzione, come una campagna offensiva verso le donne è assurdo. Seppur il fattore economico sia importante la campagna del ministero della Salute, ovviamente e correttamente indirizza ed evidenzia gli aspetti scientifici e medici dei problemi relativi alla fertilità, è assurdo quindi mischiare i temi.
Molte coppie potrebbero risolvere i loro problemi se li indirizzassero e conoscessero con anticipo, classico esempio è quello legato allo screening medico legato ai maschi, che prima avveniva con la visita legata alla leva militare ed ora non c’è più.
Sottolineare che il fattore ètà è una componente importante nella procreazione è tutt’altro che scontata in una società che fa sempre meno figli, li fa sempre più tardi e chiede di accedere alla procreazione medicalmente assistita per le donne che cercano il primo figlio in età avanzata.
 
Piena solidarietà al ministro Lorenzin di cui apprezziamo il lodevole tentativo di richiamare al paese un tema esistenziale, visto le drammatiche cifre e lo scenario demografico oramai chiaro per l’Italia.

Nessun commento:

Posta un commento