lunedì 18 luglio 2016

Dopo il fallito golpe in Turchia cosa succede?

Innanzitutto ci pare un po' strano questo tentativo dei media di attribuire il fallito golpe al Presidente Erdogan, un personaggio certamente equivoco dal punto di vista politico, che ha messo la stampa e larghi settori dell'opposizione a tacere con modi brutali, ma ci sembra questa ipotesi un po tirata. Molto strana appare la posizione degli USA e mister premio nobel per la pace Obama...come facevano a non sapere nulla gli americani che sono presenti in una base dalla quale sono partiti alcuni aerei usati durante il golpe, inoltre il suo silenzio iniziale induce qualche dubbio.

In ogni caso è certo che Erdogan stia usando a suo favore la situazione creatasi dopo il fallimento, un po maldestro del golpe. Quale occasione migliore per accellerare verso una riforma presidenzialista e agendo duramente e poco democraticamente contro ogni tentative di opposizione interna. Oltre ai militari, risultano infatti numerosissimi i giudici rimossi.

Forse è corretta l'analisi riportata da Asianews, "Fonti diplomatiche riferiscono che gran parte dei militari golpisti insieme ad un grandissimo numero di magistrati stavano per essere epurati dalle prossime promozioni governative quindi presumibilmente Erdogan ha abilmente provocato questi settori" che hanno reagito tentando un colpo di coda.http://www.asianews.it/notizie-it/Il-golpe-fallito-e-il-potere-di-Erdogan:-l'inizio-di-una-tragedia-38064.html

Stupisce in ogni caso lo strano tifo di alcuni media per un golpe in un paese della Nato. Dovrebbe fare riflettere e molto.


La situazione in ogni caso sembra favorire una radicalizzazione della scena politica in Turchia. Erdogan certamente ha trovato appoggio nella piazza (sia quella scesa a suo favore, sia quella contraria a lui che non ha appoggiato il golpe) e certamente  dagli imam che hanno chiamato alla mobilitazione per difendere l’esecutivo islamista moderato. Purtroppo l'islam radicale, come alcuni episodi sembrano suggerire, rischia di approfittare della situazione influenzando una deriva islamista anche in Turchia.
Vedremo oltre alle purghe nelle forze armate e nella magistratura se la situazione avrà contraccolpi sulle minoranze, quella curda in particolare , che rappresenta anche una forza politica primaria dell'opposizione, e quella Cristiana.


Nessun commento:

Posta un commento