mercoledì 8 giugno 2016

Elezioni amministrative commento

L'affluenza alle urne è stata sotto il 60% in tutte le grandi città, oltre malcontento forse la data del voto è stata sfavorevole e qui ha responsabilità il Governo e il ballottaggio a scuole chiuse al 19 giugno rischia di avere ripercussioni sui risultati.
Possiamo ormai dire che l'Italia è davanti a un tripartitismo PD-M5-Centro destra, dove appunto ai ballottaggi si vedono tutte le combinazioni possibili.
Il PD non vince al primo turno in nessuna grande città compresa Torino e Bologna dove era super favorita, arriva al ballottaggio a Roma ma a fatica e a Napoli è addirittura terzo. A Milano Parisi del centro destra raggiunge Sala che era super-favorito e che  per non perdere voti a sinistra ha deluso votanti di centro. Il PD vince al primo turno solo a Cagliari.
Il centro destra compie un suicidio a Roma dove è escluso dal ballottaggio a causa delle divisioni, è andato molto bene a Milano dove ha anche vinto 5 municipi su 9,  va al ballottaggio a Bologna e a Trieste ribalta i pronostici con il sindaco PD uscente, ma è in grandissima difficoltà a Torino e non ha vinto Varese al primo turno.
I 5Stelle sono avanti a Roma e in forte crescita in molte città Torino su tutte,  sostituendo centro destra come opposizione al PD  dove non ha presentato candidati forti o è diviso. Ha come limite la bassa presenza sopratutto a Milano e il non essere presente in molte città.

Quindi il centro destra non brilla come una volta ma ha tenuto e in molte città raggiunge ballottaggio insperato. Il PD non sfonda oltre il suo elettorato e i 5 stelle appaiono vincitori anche se non su tutto il territorio nazionale.
La Lega con FDI superano Marchini e Forza Italia a Roma ma non vanno al ballottaggio dimostrando che senza FI rimarrebbero marginali, e perdono nettamente la sfida con Berlusconi a Milano. La candidata della Lega a Bologna è destinata ad una sconfitta al ballottaggio come Lettieri a Napoli contro un sorprendente De Magistris , ma forse i candidati non erano all'altezza. Per la Lega una tornata elettorale negativa segnata dal flop della lista Salvini a Roma, dal flop delle preferenze di Maroni a Varese e di Salvini a Milano.
Il PD perderà sicuramente Roma dove la Raggi a meno di clamorosi eventi vincerà a Roma dando grande visibilità anche internazionale a M5S. Probabilmente Fassino ce la farà a Torino anche perchè una sua sconfitta sarebbe clamorosa. A Milano Tra Parisi e  Sala è tutto possibile e da questa sfida dipenderà il giudizio su Forza Italia e PD chi perde dovrà rivedere molto delle sue scelte.

Nessun commento:

Posta un commento