mercoledì 23 marzo 2016

Bruxelles colpita dal terrorismo



Più di 30 morti e 200 feriti negli attentati di oggi Bruxelles , colpito l'aeroporto Zaventem e la metropolitana con attentati rivendicati dall'Isis. Gli ordigni fatti esplodere erano carichi di chiodi e oggetti metallici per aumentare le vittime e le ferite.

Siamo solidali con le vittime e i parenti.

Alcune considerazioni vanno però fatte, perchè il Belgio è sicuramente al centro degli ultimi attacchi in Europa del fondamentalismo islamico sia per l'organizzazione e ora anche come luogo degli attentati.

Da mesi era in atto in Belgio una caccia all'uomo Salah Abdeslam ricercato perchè ultimo attentatore in fuga dopo gli attacchi di novembre a Parigi. Settimana scorsa si sono svolti due blitz delle forze speciali in due quartieri di Bruxelles tra cui l'ormai famigerato  Molenbeek e proprio qui è stato arrestato Salah. Questo sottolinea che i terroristi hanno in questi quartieri di Bruxelles appoggi consistenti tanto che si possono rifugiare rifornire e organizzare attentati in mezza Europa proprio da lì. Dovrebbe far riflettere che da 30 anni in questi quartieri predicano i whabiti e salafiti pagati dall'Arabia Saudita, in questi quartieri si è coltivata la jhad e ora si raccolgono le conseguenze.


La cattura di Salah probalmente ha accellerato attentati che erano già programmati. L'aeroporto da sempre ritenuto un obbiettivo non ha avuto una protezione adeguata, sicuramente qualcosa cambierà ancora nella sicurezza in Europa , ma è ora che su alcuni aspetti come la sicurezza l'Europa collabori di più. Va vietato che continuino a poter predicare iman fondamentalisti e le comunità islamiche devono tagliare gli appoggi a questi terroristi, lo Stato del Belgio e delle Francia, ma anche gli altri paesi, devono ripensare anche la gestione di questi quartieri in cui si sono concentrate le comunità islamiche senza nessun controllo statale.







Nessun commento:

Posta un commento