sabato 13 febbraio 2016

Storico incontro tra Papa Francesco e il Patriarca Kirill

Papa Francesco e il Patriarca di Mosca e di tutta la Russia Kirill si sono abbracciati all’Avana, primo incontro di questo tipo dallo scisma del 1504. Certo importanti passi in avanti erano stati fatti dal primo storico incontro tra Paolo VI e il patriarca ecumenico Atenagora a Gerusalemme e dagli incontri tra Giovanni Paolo II, Benedetto XVI e o stesso Francesco col patriarca ecumenico di Costantinopoli Bartolomeo I. E' chiaro però che tra le chiese ortodosse quella russa appare la più importante e questo incontro era fino a poco tempo fa auspicato ma difficilmente immaginabile.

Nella dichiarazione comune è stato espresso un forte richiamo alla situazione dei cristiani perseguitati, chiaro i riferimento a quanto sta avvenendo in Medioriente. La dichiarazione chiede alla comunità internazionale di aiutarli e di intervenire a favore dei per profughi. Nel messaggio finale appare poi forte i richiamo alla difesa dei valori dela famiglia e della vita. Il no alla confusione tra la famiglia e altre forme di convivenza esprimendo preoccupazione e rammarico per il fatto che «altre forme di convivenza siano ormai poste allo stesso livello di questa unione». . L’appello per la vita è altrettanto forte: «La voce del sangue di bambini non nati grida verso Dio».

Ovviamente è presente anche un richiamo alla necessità di camminare insieme per favorire l’unità dei cristiani per il bene dell’umanità.

Nessun commento:

Posta un commento