martedì 20 ottobre 2015

RAI cambia il canone non la struttura

Il Governo Renzi vuol far pagare la tassa del Canone Rai (abbassata a 100 euro) a tutti tramite la bolletta dell'elettricità e per questo la tassa non sarà più di possesso del TV ma sulla possibilità di ricevere il segnale, quindi x chiunque ha possibilità di connettersi a internet (Pc smartphone tablet) oltre che possessori di TV.
A noi sembra ingiusto, come dice anche il presidente di Assoelettrica Chicco Testa "non tutti i possessori di un contratto elettrico sono possessori di un televisore". Si dice critica anche la la presidente dell’Enel, Patrizia Grieco. “Mi sembra una cosa molto difficile da realizzare, sia tecnicamente, che per i sistemi di fatturazione, che per problemi giuridici”.
Basta canone Rai , che si mettano frequenze a pagamento e ognuno fa abbonamenti a chi vuole , libero mercato. Tanto ormai con l'arrivo di Netflix la concorrenza a Mediaset Premium e Sky è assicurata, sarebbe ora che la Rai affrontasse il mercato , visto che con le pubblicità ne è già attore, senza il paracadute dello Stato. Se poi si vuole fare un canale di servizio pubblico sia di carattere informativo e solo uno. Per spettacoli, talk e fiction la Rai affronti la concorrenza magari ne guadagna in qualità e risparmia sui compensi faraonici.


Nessun commento:

Posta un commento