giovedì 2 luglio 2015

Se la Cina trasforma atolli in base militari e nessuno dice nulla

Le immagini dell'isola artificiale creata dai militari di Pechino nel mar cinese meridionale. L'isola, creata sulla barriera corallina nel tempo con sabbia, cemento e ferro, ospiterà una pista di atterraggio lunga oltre 3 chilometri, capace di far atterrare ogni tipo di aereo da guerra. L'isola fa parte dell'arcipelago delle Spratly, 750 atolli da sempre contesi a Pechino da Vietnam, Filippine, Malaysia e Brunei.

L'espansionismo militare e sopratutti nei mari della Cina è purtroppo noto da tempo, dovrebbe quindi crescere l'attenzine su questo tema che sta portando al riarmo di tutti i paesi dell'area. Obama tace ....ennesimo allimento della sua politica estera il contenimento della Cina.

Ci verrebbe poi da dire ...........E gli ambiientalisti dove sono? nessuno che critica la distruzione e cementificazione di atolli per farne portaerei nel pacifico per aerei da guerra?

Nessun commento:

Posta un commento