mercoledì 29 luglio 2015

Obama insiste sui diritti dei gay ma le priorità in Africa sono altre

«Lo Stato - ha detto il capo della Casa Bianca - non può discriminare le persone sulla base dei loro orientamenti sessuali e questo è un principio che deve valere in tutto il mondo». Il Presidente della Nigeria Kenyatta però ha rifiutato questa posizione: «Ci sono alcune cose che la nostra società non accetta. La questione dei diritti dei gay al momento non è un tema che interessa i keniani. Ora dobbiamo occuparci del nostro sviluppo economico, della crescita e del terrorismo. In seguito vedremo». I due presidenti si sono invece trovati d’accordo sulla necessità di contrastare il terrorismo..e ci mancherebbe vista la situazione. Obama si dimostra ancora una volta un leader capace di esportare e sostenere i diritti del gender a livello mondiale come se questa fosse la priorità, a noi sembra invece che i veri perseguitati oggi siano i cristiani e che il problema della stabilità mondiale e geopolitica debba avere la priorità.

Nessun commento:

Posta un commento