lunedì 30 marzo 2015

Ellaone : AIFA ma con che criteri decide?

Nonostante solo a metà marzo  il  Consiglio superiore di Sanità sulla cosiddetta “pillola dei 5 giorni dopo” aveva stabilito che “il farmaco EllaOne debba essere venduto in regime di prescrizione medica indipendentemente dall’età della richiedente”soprattutto per eveitare effetti collaterali , l’Aifa ha invece autorizzato la vendita della «pillola dei cinque giorni dopo» (EllaOne) senza ricetta medica, con prescrizione medica obbligatoria solo per le minorenni. Ci chiediamo perchè l’Aifa ha preferito seguire il parere del corrispettivo europeo invece di quello del ministero italiano?  inoltre si esclude così sia l’informazione al paziente che il controllo del medico! si da per scontato che la pillola non sia anche abortiva (ma lo è in quanto anche antiannidatoria dell’embrione nell’utero) ma la si venderà per evitare le gravidanze dopo i rapporti sessuali anche dopo 5 giorni il rapporto. Si continua a banalizzare la sessualità e questo non ridurrà le gravidanze indesiderate, avrà il solo effetto di lasciare più sole le ragazze nella scelta e aumenterà gli aborti anche se mascherati da contraccezione d’emergenza.

Nessun commento:

Posta un commento