martedì 24 dicembre 2013

I nostri auguri di un Santo Natale

 
L’arrivo di un bambino porta una gioia infinita in una famiglia, immaginiamo che

sia stato cosi anche per Giuseppe e Maria, forse proprio per questo, oltre che

per mostrarsi umile, povero vicino ai poveri e quindi vicino a tutti, Gesù ha

scelto di mostrarsi al mondo come un bambino. La fede cristiana è una fede di

gioia, gli angeli invitano i pastori ad andare ad adorare il bambinello, ma per chi

ha un bambino appena nato questo invito è un invito dolce spontaneo, un moto

del cuore. Il Papa ha affermato che “per capire i segni dei tempi, un cristiano

non può pensare solo con la testa, ma anche con il cuore e con lo spirito che

ha dentro.” Gesù con la sua incarnazione ha segnato la storia in un modo

sorprendente allora come oggi, donando eguale dignità a ogni essere umano.

Noi siamo chiamati a convertirci come predicava Giovanni il Battista:

«Convertitevi, perché il regno dei cieli è vicino!» e testimoniare questa gioia e la

fede come esorta Papa Francesco “Tutti i cristiani hanno il dovere di

trasmettere la fede con coraggio”. E vivere la fede oggi nel mondo significa

essere un po’ fuori dal coro “Il cristiano pensa secondo Dio e per questo rifiuta il

pensiero debole ed uniforme”. Buon Natale nella fede, nella gioia, nella verità.

Luca e Paolo Tanduo

Nessun commento:

Posta un commento