mercoledì 20 novembre 2013

Ma perchè il sindacato italiano non lotta per i diritti riconosciuti negli altri stati?

I sindacati e una ditta del parmense hanno concesso il congedo matrimoniale a coppie dello stesso sesso che si sposano all’estero. A parte ribadire che l’Italia non riconosce matrimoni per coppie con lo stesso sesso questa iniziativa sembra molto ideologica e per detta degli stessi sindacati si pone l'obiettivo di creare una cultura, che però non è quella indicata dalla nostra costituzione, che tanto i sindacati stessi continuano a definire la migliore del mondo, cioè la cultura della famiglia fondata sul matrimonio di un uomo e di una donna.
Poniamo allora un interrogativo che vuole essere una provocazione, ma se i sindacati proprio vogliono portare i diritti dei lavoratori di altri paesi europei nei contratti italiani perchè non importare i part-time diffusi? oppure orari più flessibili? oppure contratti con stipendi più alti come quelli tedeschi e francesi?

Nessun commento:

Posta un commento